I cento anni del Milite Ignoto

Cento anni dopo, si fa memoria di quel giorno ad Aquileia e l’Amministrazione comunale di Trentola Ducenta partecipa a tale momento solenne.

Data di pubblicazione:
28 Ottobre 2021
Immagine non trovata

Aquileia, 28 ottobre 1921 una donna, la madre di Antonio Bergamas sottotenente del Regio Esercito, sceglie la salma, tra le undici che rappresentavano i diversi fronti su cui l'Italia aveva combattuto il primo conflitto mondiale, che sarebbe, poi, stata tumulata al Vittoriano, dove arrivò con un treno che a velocità moderatissima, da Aquileia a Roma, passava di stazione in stazione dando l’opportunità alla popolazione di onorare il caduto simbolo. Cento anni dopo, si fa memoria di quel giorno ad Aquileia e l’Amministrazione comunale di Trentola Ducenta partecipa a tale momento solenne, nel ricordo del sacrificio di seicentomila italiani, per essere "custodi della memoria e costruttori di storia" e per sottolineare l’importanza di non dimenticare chi ha dato la vita per l’Italia.  

Ultimo aggiornamento

Lunedi 22 Novembre 2021